venerdì 9 giugno 2017

Rimini, parco Cervi: gli spacciatori offrono droga alle ragazzine, in cambio di sesso orale



Qui Rimini, parco Cervi. Una piccola oasi verde invasa da immigrati e spacciatori. Un parchetto dove le ragazzine, come dimostra questa fotografia, sono pronte letteralmente a tutto pur di avere una dose senza pagare. E quando si dice pronte a tutto significa pronte a offrirsi alle "risorse" che spacciano: sesso, in pieno giorno, in cambio di droga. Una vicenda orribile sulla quale alza il velo Il Resto del Carlino, che dà conto della rabbia e della paura dei residenti della zona: "Ci spaventa anche solo portare a spasso il cane", afferma uno di loro. E ora, i residenti, stanno organizzando una raccolta firme per chiedere che qualcuno intervenga.

"Dopo i blitz delle forze di polizia l’anno scorso – racconta disperato un abitante del luogo
il parco era tornato pulito. Ma da qualche mese è diventato ancora peggio. Gli spacciatori hanno ormai occupato tutto lo spazio che va dall'Arco d’Augusto fino all'altezza della chiesa di Santa Rita. Dalle finestre li vediamo bene mentre vanno a prendere la ‘roba’ in mezzo ai cespugli o sotto le pietre. Vediamo i ragazzini italiani arrivare a frotte dal centro e fare gli ‘acquisti’". Ma questo è il meno.

L'ultimo orrore, l'ultima frontiera, è il sesso.
"Sesso alla luce del giorno - spiega una donna -. L’altro pomeriggio sono scesa per portare a spasso il cane e c’era una giovane, secondo me non era nemmeno maggiorenne, era per metà sotto una coperta e faceva ‘qualcosa’ con uno dei ragazzi nordafricani del parco. ‘Per quello ti ho detto che voglio venti euro’, le ho sentito dire. Ho capito bene a cosa si riferiva". Ma diversi testimoni affermano che sono tante le ragazze che scambiano sesso con droga: "Hanno l’età delle mie figlie, mi sembra incredibile che possa accadere.  

Non hanno nessuna remora – continua – lo fanno in mezzo alla gente".

fonte